Perla: magia e femminilità



Spesso i clienti, quelli più curiosi, ci chiedono quali sono le differenze tra perle e perle, e perché, anche se a prima vista 'sembrano' tutte uguali, alcune costano un po' più di altre.

Cerchiamo di fare chiarezza iniziando brevemente a raccontare qual è il processo di formazione della perla e quali sono i criteri di valutazione.


Come nasce una perla

Una leggenda di origine indiana vuole che le perle siano frutto dell'amplesso fra l'acqua marina e la luce della luna, dentro l'alcova formata da un'ostrica aperta.

Le perle hanno una natura organica: nascono all'interno di un mollusco perlifero che, per difendersi dall'intrusione di un corpo estraneo, produce sottili strati di madreperla.

La prima distinzione da fare è perla naturale e perla coltivata.

Le perle naturali -o perle fini-  presenti sul mercato sono davvero poche, meno dell'1% e hanno dei costi elevati.

La perla naturale comincia a formarsi quando un parassita, un frammento estraneo (ad esempio un granello di sabbia) entra accidentalmente nella conchiglia. L'ostrica per proteggersi comincia a secernere una sostanza che strato dopo strato avvolge l'intruso.

La nascita della perla è dunque dovuta ad un evento casuale: per questo motivo deve essere considerata come un vero e proprio miracolo della natura.

Le poche perle naturali in commercio vengono trovate casualmente dai pescatori e sono talmente rare che vengono impiegate per produrre costosissimi pezzi unici.

Le perle coltivate -o perle di coltura- possono essere di acqua dolce e di acqua salata.

Sono le perle che troviamo nei negozi.

L'uomo introduce il corpo estraneo nel mollusco, lo fa crescere, se ne prende cura in un ambiente protetto così da facilitare e da accelerare i processo di formazione della perla.

Le perle coltivate sono il risultato di scoperte fatte tra la fine del XIX°sec e l'inizio del XX°sec grazie allo studio di alcuni ricercatori giapponesi, tra i quali il più conosciuto è Kokichi Mikimoto. Mikimoto é stato il primo a scoprire una tecnica specifica per stimolare la creazione di una perla rotonda nel tessuto di un'ostrica.

Ancora oggi nonostante le cure e le abilità con la quale viene effettuata la coltivazione la maggior parte dei molluschi rigetta il corpo estraneo e su 100 perle raccolte solo 2/3 hanno una forma perfetta.


 I fattori di valutazione di una perla sono 6 (+1)


1 Dimensione


La grandezza è il primo elemento per la valutazione della perla.

A parità di altri fattori, più è grande la perla più il suo valore sarà maggiore.


2 Forma


Le perle possono avere una forma più o meno regolare, fino ad avere una conformazione totalmente insolita.



3 Colore


Il  colore si distingue in:

×          colore di fondo, da osservare lungo la circonferenza o in prossimità della zona perimetrale;

×          colore di superficie, da osservare al centro della zona su cui riflette la luce con la quale stiamo osservando.

La perle si presentano con infinite combinazioni di colori di base e sfumature, per questo non è possibile creare delle vere e proprie categorie.


Di consuetudine si identificano 6 colori principali:

  • bianco
  • rosa
  • crema
  • giallo
  • grigio
  • nero

4 Qualità della superficie


Le perle essendo materiale organico non si presentano mai con superfici perfettamente lisce e omogenee.

Increspature, piccole protuberanze, striature, abrasioni sono pertanto da considerarsi non tanto come imperfezioni quanto come elementi che possono rafforzare l'identificazione dell'autenticità della perla.

Naturalmente quanto più la superficie è perfetta, tanto più la perla è pregiata.


5 Oriente


L'oriente è l'insieme di elementi ottici (dispersione, rifrazione, diffusione della luce) che si notano osservando la perla con una luce nordica diffusa.

L'occhio percepisce un insieme di colori in movimento che donano un effetto cangiante, come bolle di sapone: tanti più riflessi ci sono, tanto più la perla avrà valore.


6 Qualità del nacre


Il nacre, o madreperla, è il materiale organico composto da carbonato di calcio e conchiolina che costituiscono gli strati della perla.

Maggiore è lo spessore del nacre, maggiore è la lucentezza superiore della perla e il suo aspetto risulta essere più gradevole.

Analogamente uno strato di nacre più sottile influisce negativamente sulla lucentezza e di conseguenza sul valore finale della perla.


7 Accostamento armonico





Questo valore si applica unicamente per collane e gioielli che contengono più di una perla dello stesso tipo, dove di cerca di ottenere un effetto più omogeneo possibile.


L'accostamento di perle si classifica in:

  • eccellente: le perle hanno un aspetto uniforme e sono forate al centro 
  • buono: piccole variazioni di uniformità
  • discreto: variazioni di uniformità notevoli

Bisogna ricordare che variazioni tra perla e perla si troveranno sempre: ogni perla è assolutamente unica.


La selezione e l'accostamento in base a forma, dimensione, colore e altre caratteristiche richiede personale qualificato e con grandi abilità. Il tempo e l'impegno per comporre fili di perle armonici si riflette sul valore di mercato.



Se hai intenzione di acquistare un gioiello con perle coltivate vieni a trovarci in negozio o visita il nostro store on-line www.gioielleriagenovese.it